Spesso può capitare che un ferro da stiro non si riscaldi più, in questi casi, prima di pensare a buttarlo ed a comprare un nuovo ferro da stiro, possiamo pensare a riparare il ferro vecchio perchè probabilmente il problema è legato alla resistenza del ferro stesso.
In questo caso, bisogna sostituirla per far tornare a funzionare e riscaldare la piastra del ferro da stiro, per questo proviamo ad elencare i passaggi da effettuare per sostituire la resistenza.

Per prima cosa, ci si deve occupare di smontare il ferro e aprire la piastra del ferro stesso mediante le apposite viti. Successivamente dovete togliere la resistenza rotta, staccandola dai fili di alimentazione. A questo punto dovete procurarvi una resistenza identica a quella rotta, che abbia gli stessi valori e le stesse dimensioni, in modo da poterla riposizionare e ricollegare esattamente come la precedente..

Questa operazione è un pochino delicata, ma assolutamente alla portata di tutti:  nel sostituire la resistenza vecchia con quella nuova si deve  avere la massima attenzione affinchè nessuno degli elementi attivi che vanno alla resistenza tocchino la base o il guscio del ferro che, altrimenti, verrebbero a trovarsi in tensione, con grave pericolo per chi deve utilizzare l’apparecchio.
Per verificare che tutto sia stato rimontato nel modo corretto, si può utilizzare questo accorgimento: dopo aver applicato la resistenza, è di scaldare il ferro per una decina di minuti e verificare poi, con il cacciavite cercafase, se l’involucro del ferro è in tensione.

Se viene segnalata la presenza di tensione, il ferro da stiro va subito spento, lasciato raffreddare e poi riaperto dopo che si è raffreddato, a quel punto si deve controllare con attenzione quale contatto esiste tra gli elementi riscaldanti e l’esterno del ferro, cercando poi di neutralizzarlo con scaglie di mica interposte qua e là. Se la dispersione è provocata da uno dei conduttori di alimentazione, dovete isolarla con delle perline di ceramica cilindriche.

Recensioni Ferro da stiro >>